• Vorresti capire come vendere di più e meglio il tuo albergo?
  • Hai sentito parlare di strategie di pricing e vorresti saperne di più?
  • La tua presenza sui canali di distribuzione non è efficace come vorresti?

Fare la differenza in questo mercato vuol dire offrire almeno una cosa che i vostri clienti non possono trovare altrove.

Che abbiate un hotel a gestione manageriale o un piccolo albergo guidato da voi e dalla vostra famiglia, del marketing non potete più farne a meno: dovete sapere dove siete, in che direzione state andando, i vostri obiettivi, come fare per raggiungerli. E il marketing è la vostra cassetta degli attrezzi. Da lì  prenderete ciò che vi serve, perché ogni albergo ha bisogno dei suoi strumenti di lavoro. La cosa importante è saper scegliere quelli giusti per fare la differenza. Possiamo lavorarci insieme.

Per aiutarvi al meglio cominciamo sempre dalla conoscenza del vostro albergo, ovvero le sue caratteristiche, sia come struttura che come servizio, chi sono i clienti e cosa desiderano, quali sono i maggiori concorrenti, i canali di vendita, la politica tariffaria, le promozioni. Con queste informazioni in mano, decidiamo insieme obiettivi e strategie.

L’idea che un albergatore ha della sua struttura, benché ne conosca ogni angolo e ogni minimo dettaglio, spesso è assai diversa da quella che appare ad occhi esterni.

La visita all’albergo è quindi una delle prime azioni che compiamo, per capire come stanno veramente le cose, ovvero cosa  funziona e cosa no: quali sono le camere capaci di garantire una buona redditività; quali invece potrebbero essere accorpate ad altre per offrire spazio e comfort in più agli ospiti; come il personale si pone nei confronti dei clienti e quali servizi vanno migliorati, aggiunti, ma anche eliminati; come l’albergo comunica sugli stampati e online e la qualità ed efficacia dei contenuti; la cura e la funzionalità degli ambienti e delle soluzioni di arredo; la qualità della ristorazione, a partire dalla prima colazione (fondamentale per la soddisfazione dei vostri ospiti!).

Sito e booking on line, portali, OLTA (on line travel agencies), social media (eh sì, le prenotazioni passano anche da lì) e naturalmente il buon telefono, rispolverato e tirato di nuovo a lucido grazie al boom degli smartphone: gli strumenti a nostra disposizione sono tanti, validi, complessi e in continua evoluzione. Tutto ciò comporta fatica e studio e a volte ci fa rimpiangere come era più semplice lavorare un tempo.

Eppure, che grande risorsa e e quale fonte di innumerevoli opportunità che mai ci saremmo sognati di avere a disposizione! Gli stessi risultati che possiamo raggiungere a costi anche molto bassi erano impensabili prima di tutto questo. È una questione di logica matematica: all’aumentare delle opportunità di vendita cresce la complessità del lavoro (o ne diminuisce la facilità, se preferite vederla così). Noi però vi aiuteremo a rendere più semplici le scelte difficili e magari anche a prenderci gusto. Non male vero?

Ma alla fine di tutto ciò, la questione cruciale resta una: che prezzo fare? Quale tariffa piacerà al nostro ospite e come potremo trasmettergli il valore di ciò che sta per comprare, portandolo facilmente all’acquisto (e noi a trarre il giusto guadagno)?

Vendere vuol dire misurarsi con variabili come la concorrenza, il mercato che cambia sempre e velocemente, la bassa e alta occupazione. E vuol dire arrivare a creare la propria strategia di pricing, per aumentare i ricavi, abbandonando vecchie abitudini. Sapete qual è una delle peggiori? Il listino prezzi, strumento ormai consumato e, per questo, da accantonare. Continuare a utilizzarlo  significa buttare via soldi. Altre scelte oggi lo sostituiscono con grande efficacia: ad esempio, i prezzi dinamici (ispirati alle tecniche del revenu